“L’ANNUSATRICE DI LIBRI” di Desy Icardi | recensione

recensione l'annusatrice di libri

Tutte le brave scolare si somigliano, ogni scolara somara è somara a modo suo

Il mio amore per i libri può essere superato solo da quello per i libri che parlano di libri. Per questo quando ho iniziato a leggere L’annusatrice di libri ne sono rimasta estasiata, non solo per la quantità di romanzi citati al suo interno, ma soprattutto per il punto di vista offerto.
Avete mai pensato infatti a descrivere un libro attraverso l’olfatto? Oltre l’odore di carta, inchiostro e polvere, c’è un odore che vi richiama alla mente un libro che avete amato? Sembra strano ed impossibile eppure Adelina con il suo naso riesce a fare molto, molto di più.
Adelina è una quattrordicenne da poco trasferitasi a Torino a casa della zia Amalia, una ricca e parsimoniosa vedova con un passato nel mondo dello spettacolo.
Fin dai primi giorni di scuola la ragazza mostra una certa difficoltà a leggere i libri: le parole le si confondono davanti agli occhi rendendo la sua lettura stentata e discontinua. Scopre presto però di avere un dono molto particolare che le permette di leggere i libri con l’olfatto. Da quel momento i libri per lei non sono più un mistero indecifrabile ed incomprensibile, a patto che qualcuno li abbia già letti. Eh si, il suo dono non funziona con i libri nuovi, ma solo con quelli già letti da qualcuno che ha lasciato impresso sulle pagine le proprie emozioni.


l'annusatrice di libriL’ANNUSATRICE DI LIBRI
di Desy Icardi

Editore: Fazi editore
 1^ edizione: 2019
407 pagine

> Acquistalo QUI <

Voto
★ ★ ★ ★ ☆


Quando la straordinaria dote viene scoperta dal reverendo Kelley e dal notaio Vergnano la vita di Adelina è in pericolo. Una capacità così inconsueta viene infatti vista come un’opportunità per decifrare un antico manoscritto che potrebbe arricchire e rendere famosi i due uomini. In suo soccorso arrivano, tardi e con grande difficoltà, la zia Amalia e lo stralunato quanto tenace avvocato Ferro.

Introdursi in quella camera piena di volumi disposti nelle librerie, impilati sui mobili e persino sparsi a terra, fu per Adelina come entrare in una di quelle profumerie dove mille essenze si fondono in un’unica miscela nauseante.

L’annusatrice di libri è un romanzo che ho apprezzato molto per l’orignalità della trama e per la quantità di libri citati – quasi tutti classici – e per il modo in cui vengono trattati. Per i miei studi, infatti, ho sempre avuto a che fare con manoscritti e soprattutto con la storia della nascita dei libri. Da filologa quindi non ho potuto fare a meno di amare le biblioteche del reverendo Kelley e dell’avvocato Ferro – diverse eppure bellissime entrambe – e  dei grossi ed  antichi volumi annusati da Adelina.
Il romanzo della Icardi è certamente ben scritto ed organizzato. I capitoli della storia principale – quelli di Adelina e della sua dote – si alternano a quelli, coniugati al passato, che raccontano la vita di zia Amalia. E così, con lunghi flashback, scopriamo un passato da assistente di un mago che ha portato la giovane e svampita zia a contrarre un matrimonio tanto breve quanto conveniente. Una storia che scorre parallela ma che sarà funzionale al finale forse un pò scontato ma che mi ha lasciato con un gran sorriso di soddisfazione sulle labbra.

Se avete voglia di perdervi tra citazioni, descrizioni di antichi volumi, profumi, olezzi, emozioni e suspance allora questo libro fa al caso vostro.


Ora i volumi tutti intorno spandevano prepotentemente le loro fragranze, tra le quali prevaleva il profumo d’incenso e l’odore umido e maestoso delle cattedrali. Adelina iniziò a prendere in mano testi a caso: alcuni odoravano di rose, martirio ed estasi; altri di pane e carità; altri ancora avevano il sentore asprigno della pedanteria e l’appiccicoso aroma della retorica. Infine, l’avida lettrice decise di farsi sedurre da un altro paio di profumi: quello di un grande volume che odorava di gelsomino e un altro proveniente da un libriccino che sapeva di legno di sandalo.

Annunci

3 pensieri riguardo ““L’ANNUSATRICE DI LIBRI” di Desy Icardi | recensione

Condividi il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...