Book Tag | ABITUDINI LETTERARIE

In questi primissimi mesi dell’anno ne sono succede di cose sul blog ma un Book Tag non l’avevo ancora fatto. Eccomi quindi che recupero subito con queste 15 domande sulle mie abitudini letterarie che ho rubacchiato da molti booktuber e che ho deciso di riproporre anche io.
Non mi dilungo molto perchè le domande sono tante, spero, come sempre, che le risposte possano interessarvi e che vorrete rispondere anche voi.

 

1. Hai un posto speciale a casa per leggere?

No, non ho un posto pensato solo per rilassarmi con un libro in mano. In genere prediligo leggere la sera a letto prima di addormentarmi. Ma in generale sono una di quelle lettrici che sfrutta qualsiasi posto per leggere anche solo due righe. Leggo in piedi mentre cucino; leggo sul divano mentre aspetto che inizi un film; leggo in ogni sala d’attesa…

 

2. Segnalibro o pezzo di carta a caso?

SAVE_20180114_103421.jpegIn passato ho utilizzato ogni cosa per mettere il segno in un libro. Se mi seguite su instagram avrete visto che ultimamente ho comprato da Stradivarius una serie di segnalibri tra i quali spiccano quelli a calamita, facili da utilizzare e poco visibili. Ebbene, direte voi, hai trovato la tua pace? Macchè! Infilo il segnalibro a calamita in mezzo al libro senza avere cura di aprirlo.

 

3. Puoi smettere di leggere in qualsiasi momento o devi per forza fermarti a una certa pagina, capitolo, frase, etc.?

Dipende molto da come è impostato il libro e da cosa mi costringe a interrompere la lettura. Se il libro è suddiviso in capitoli o paragrafi tendo a fermarmi lì dove finiscono per avere uno stacco preciso. Ma  non è una regola fissa, in genere interrompo quando ritengo opportuno farlo…soprattutto quando ho sonno e gli occhi non vogliono più saperne di stare aperti.

 

4. Mangi e bevi quando leggi?

Si ed è un’attività pericolosa perchè finisci per non renderti conto di quanto stai mangiando, soprattutto se si tratta di dolcetti e tarallini.

 

5. Riesci a leggere mentre ascolti musica o guardi la tv?

Se posso scegliere preferisco leggere in assoluto silenzio ma quando si vive in casa con altre persone il silenzio è pura utopia. Per cui ho imparato a leggere – e in passato anche a studiare – con la tv/radio accesa. Per quanto riguarda la musica non riesco proprio semplicemente perchè finisco per cantare e allora…addio lettura.

 

6. Un libro alla volta o di più?

Più di uno senza ombra di dubbio. Non amo fossilizzarmi e concentrarmi su un solo libro alla volta. Ci sono giorni in cui ho bisogno di un altro genere, di altri personaggi, di altri luoghi, per questo ho sempre almeno due libri in lettura. In genere tendo sempre ad averne uno cartaceo e uno sul Kindle il quale, essendo retroilluminato, prediligo usarlo la sera. In questo modo riesco a portare avanti due letture contemporaneamente e a leggere molti più libri in un mese.

 

7. Leggere ad alta voce o mentalmente?

Mentalmente. E’ sicuramente più veloce ed intimo come metodo di lettura.

 

8. Fai skimming o salti delle pagine?

Partendo dal presupposto che non sapevo cosa fosse lo skimming, o meglio, non sapevo esistesse un termine per indicare questo tipo di lettura, direi che no, non salto mai all’interno di una pagina. Così come difficilmenete salto pagine intere, perchè non ne vedo il motivo. Capita di imbattersi in passaggi noiosi eo ostici ma saltarli a piè pari non ha senso, se lo scrittore ha inserito quelle parti un motivo ci sarà.

 

9. Rompere la costina o no?

Se i libri sono i miei si, lo faccio spesso. Se i libri li prendo in biblioteca o me li prestano ovviamente no.

 

10. Scrivi sui tuoi libri?

Si. Mi piace sottolineare le frasi che più mi hanno colpito e utimamemte tendo a sottolinearele parti che mi aiuteranno a scrivere la recensione. In genere utilizzo la matita per sciupare meno il libro; ho provato ad usare su un libro gli evidenziatori color pastello e per quanto lo sentissi più mio, più personale mi è dispiaciuto molto vederlo così “sfreggiato”.
Fatemi sapere se voi usate metodi e strumenti (penne, matite ecc.) diversi.

 

11. Quando leggi più spesso? Mattina, pomeriggio, sera…?

Da quando sono senza lavoro sono anche senza orari e mi ritrovo a leggere a orari e momenti della giornata che prima – ovviamente – non dedicavo alla lettura. In generale però leggo il pomeriggio dopo pranzo e – come dicevo prima – la sera a letto prima di addormentarmi.

12. Qual è il tuo posto preferito per leggere?

Sicuramente il divano. E’ comodo ma non tanto da permettermi di addormentarmi, come succedere invece quando leggo a letto.

13. Guardi prima il film o leggi il libro?

Tendo a leggere prima il libro e poi a guardare il film. Mi è capitato però di vedere prima il film o di accorgermi in un secondo momento che il film fosse tratto da un libro (in genere accade con titoli meno conosciuti).Quando succede questo non mi dispiace perchè so che il film per quanto federe possa essere al libro sarà solo la punta dell’iceberg e che quindi nel libro troverò qualcosa che non è stato messo in scena.

14. Quale preferisci: audiobook, ebook o libro cartaceo?

Da quando ho il Kindle è cambiato il mio modo di approcciarmi ai libri. Per quanto il supporto cartaceo resti il mio preferito trovo la lettura dell’ebook più comoda. In questo modo, infatti, riesco a leggere due libri contemporaneamente. In genere sul comodino ho sempre uno cartaceo e un ebook.

15. Le tue serie di libri devono matchare?

Preferirei di si…anche l’occhio vuole la sua parte, ma non si può pretendere tutto dalla vita. Giusto?

 

 

Quali sono le vostre abitudini letterarie? Se riproponete queste domande taggatemi e creo un elenco in questo post con i vostri articoli.

 

Tiziana

 

 

10 pensieri riguardo “Book Tag | ABITUDINI LETTERARIE

  1. Io non riesco proprio a sottolineare i libri, non ci riuscivo neanche a scuola. So che è assurdo, che il libro è un oggetto e sottolinearlo lo rende più mio, ma non riesco proprio e non mi piace trovare libri sottolineati, piegati, rovinati (se poi dentro ci sono foto o cose di altre persone mi fa impazzire) perché mi sembra di ficcare il naso nelle faccende altrui. Per questo il Kindle per me è la salvezza, lì non mi faccio problemi a sottolineare.

    Piace a 1 persona

    1. Ti capisco, nei primi anni di lettura ero anche io così. Poi ho cominciato a sottolineare con la matita ma solo ciò che più mi colpisce…non so, l’ho avvertito come un bisogno, un modo per trattenere le parti più belle. Ma condivido l’opinione che i libri non vadano maltrattati.

      "Mi piace"

    1. Ciao, anche io avevo questo rispetto reverenziale nei confronti dei libri xò per alcuni mi riesce impossibile non sottolinearli, avverto proprio l’esigenza di sentirli più miei. Però capisco perfettamente il rispetto e la voglia di non sciupare un libro, a volte mi capita ancora.

      Piace a 1 persona

Condividi il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...