LiberTiAmo

Teaser Tuesday ♥ 2

 

Buongiorno Bibliofili,
la settimana scorsa ho inaugurato questa nuova rubrica con l’intento di condividere con voi una pagina a caso tratta dal libro che sto leggendo. Il libro in questione è L’Arte di Essere Fragili di Alessandro D’avenia, titolo scelto per il gruppo di lettura, del quale vi lascio qui il link al post di introduzione.
Qui sotto troverete tutte le istruzioni da seguire se vorrete unirvi a questa rubrica:

֍ prendere il libro che state leggendo

֍aprite ad una pagina a caso

֍ condividete alcune frasi contenute in quella pagina

֍  non includere spoiler!

֍ condividere il titolo e l’autore, in modo che gli altri partecipanti possano aggiungere il libro alla loro lista wish list.

2017-01-18-11.46.52.jpg.jpg

2017-02-28-20.35.18.png.png
Una volta un ragazzo mi ha scritto queste righe: “Voglio complimentarmi con te per i tuoi libri, che fanno veramente riferimento all’adolescenza senza nascondere né pregi né difetti. Voglio farti una domanda banale e stupida da quindicenne: SEI FELICE?
Infine voglio parlarti di un problema che agli occhi degli altri non risulta tale ma per me lo è. Vengo da una famiglia che non subisce affatto le conseguenze della crisi e ho due genitori (separati) che fanno lavori che impagnano quasi la totalità del loro tempo, ma il problema non è questo. Ho tantissimi oggetti come l’iPhone ultimo modello, il motorino, vestiti firmati a volontà, tutto quello che voglio me lo comprano. So che starai pensando che sono un folle ingrato, ma non mi basta tutto quello che ho. Molte volte capita che i miei compagni di classe, all’uscita di scuola, vadano  in ufficio dal padre per prendersi un panino per pranzo al volo o che le ragazze passino la domenica conle madri per centri commerciali a fare shopping, allora mi chiedo a cosa serva lavorare tanto se poi alla fine non ti rimane niente di concreto. Preferirei usare anche io la metro o avere un cellulare scassato ma poter andare ogni tanto a prendere un gelato con mio padre e parlare di politica, calcio, scuola e lavoro. Oppure mi piacerebbe che mia madre ogni tanto venisse la domenica alla partita di calcio proprio come fanno le mamme. Loro però sono talmente presi dagli affari e dai soldi che nemmeno se ne accorgono, che io vivo la situazione come un disagio.
So cossa starai pensando, quello che pensano tutti i miei compagni e amici, che chi c’ha il pane non c’ha i denti e che sono fortunato, ma fidati che non c’è niente di peggio che affrontare l’adolescenza senza la presenza dei genitori.

L’arte fi essere fragili

Alessandro D’Avenia

Mondadori

A presto,
2016-11-03-09.43.28.jpg.jpg

2016-02-17-11.34.27.jpg.jpeg

Annunci

3 thoughts on “Teaser Tuesday ♥ 2

Condividi il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...