RECENSIONE

QUALCOSA ~ C. Gamberale ‖recensione‖

 

2017-02-27-16-13-11
E il puro fatto di stare al mondo la vera avventura

Titolo: Qualcosa
Autore: Chiara Gamberale
Edito da: Longanesi
Data pubblicazione: 9 febbraio 2017
Cartaceo: 16.90 €
Ebook: 9.99€
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 176
ISBN:  9788830448100

 

 

 

 

Ciao bibliofili, buon Lunedì!!
Come è andato il vostro week-end? Spero bene e nel segno della lettura 😉
Ma cominciamo la settimana con la recensione di uno dei libri più carini che ho letto nel mese di Febbraio: QUALCOSA di Chiara Gamberale. Una piccola fiaba dal sapore medievale ma dalle caratteristiche tutte moderne…d’altronde come diceva Benedetto Croce “corsi e ricorsi storici” perchè tutto ritorna che sia in una realtà storica o fantastica come quella di una fiaba.

 

• SINOSSI •

Quando la Regina Una di Noi e il Re Qualcuno di Importante annunciarono con gioia la nascita della loro principessa di certo non si aspettavano che possedesse molteplici capacità in quantità eccessiva. La principessa, infatti, fin da subito rivela di possedere una meravigliosa ma pericolosa caratteristica: non ha limiti, è esagerata in tutto quello che fa. Si muove troppo, piange troppo, ride troppo e, soprattutto, vuole troppo, guadagnandosi di diritto il nome di Qualcosa di Troppo. Ma quando, per la prima volta, un vero dolore la sorprende, la Principessa si ritrova «un buco al posto del cuore». Com’è possibile che proprio lei, abituata a emozioni tanto forti, improvvisamente non ne provi più nessuna?
Smarrita, Qualcosa di Troppo prende a vagare per il regno e incontra così il Cavalier Niente che vive da solo in cima a una collina e passa tutto il giorno a «non-fare qualcosa di importante». Grazie a lui, anche la Principessa scopre il valore del «non-fare», del silenzio, perfino della noia: tutto quello da cui è abituata a fuggire. Tanto che, presto, Qualcosa di Troppo si ribella. E si tuffa in Smorfialibro, il nuovo modo di comunicare per cui tutti nel regno sembrano essere impazziti, s’innamora di un Principe sempre allegro, di un Conte sempre triste, di un Duca sempre indignato e, pur di non fermarsi e di non sentire l’insopportabile «nostalgia di Niente» che la perseguita, vive tante, troppe avventure… Fino ad arrivare in un misterioso luogo color pistacchio e capire perché «è il puro fatto di stare al mondo la vera avventura».

 

• SINOSSI •

 

Ero in libreria che ciondolavo pigramente tra le nuove uscite alla ricerca di qualcosa (è proprio il caso di dirlo) di diverso che  stuzzicasse i miei neuroni un pò impigriti, quando mi sono imbattuta in questo piccolo libricino dal colore rosso fuoco/passione, il mio colore preferito. E allora non ho potutto fare a meno di prenderlo in mano, sfogliarlo, acquistarlo e lasciarmi conquistare dalle coloratissime illustrazioni realizzate da Tuono Pettinato che rendono più vivida la narrazione e aiutano a rendere visivamente  i passsagi fondamentali.
Qualcosa è una metafora vestita di pagine e copertina. La Gamberale ha dato fattezze fisiche a quel costante, smisurato e tutto moderno desiderio di volere sempre di più, quel senso di non avere mai abbastanza e di non sapersi accontentare. Sia esso un desiderio, un oggetto materiale, un sentimento, uno status ecc…siamo alla costante ricerca di “qualcosa” che possa riempire i nostri vuoti. E così la nostra principessa quando sperimenta il dolore lo percepisce come un buco…

“un buco troppo buco al posto di un cuore troppo cuore”

E allora cosa fare? Come affrontare il dolore?
Terapeutico per lei sarà l’incontro con il Cavalier Niente, “una strana creatura che sembrava un bambino ma era un vecchietto. O forse pareva un vecchietto, ma era un bambino?” dedito all’arte del NON-fare cose importantissime, il quale saggiamente le consiglia di accettare il suo buco:

quando succedono cose troppo brutte ci mettimo un pò ad accettarle, tanto che all’inizio non ci sembrano nemmeno vere. E, mentre la testa prende tempo per capirle, il cuore ci diventa un pezzo di groviera. Quindi non lo odiare, il tuo buco, accarezzalo ogni tanto, ma non ti ci affezzionare troppo. Altrimenti non passerà mai.

Ecco quindi che Qualcosa di Troppo finalmente scala la marcia e la sua vita comincia a viaggiare a velocità moderata godendosi la compagnia di Cavalier Niente e di Madama Noia impagnandosi ogni giorno a NON- fare cose importantissime. Ma presto la sua natura riemerge prepotente e allora Qualcosa di Troppo sente il bisogno di fare e soprattutto di mostrare, dedicandosi completamente a Smorfialibro, un prototipo/parodia medievale di Facebook grazie al quale le persone chiacchierano e “mettono in mostra dei ritratti che si fanno da soli e per scrivere ogni giorno le cretinerie che pensano e l’umore con cui si svegliano“. Ma il re, Qualcuno di Importante, avendo a cuore la felicità di sua figlia, dall’alto della sua autorità, la informa che è giunto il momento di trovar marito. Decisione che la principessa prende controvoglia, tutta dedica com’è a gestire il suo Smorfialibro, felice finalmente di avere tanti amici che le mostrano affetto con il pollice insù. Ma il suo troppo si agita vigorosamente appena percepisce la possibilità di fare qualcosa di nuovo e diverso, e allora Qualcosa di Troppo comincia ad innamorarsi prima di Qualcosa di Buffo, poi del Conte Qualcosa di Blu e del Duca Qaulcosa di Giusto, e infine di Qualcosa di Giusto. Ma per quanto si impegni e si innamori c’è sempre una vocina che saggiamente le ricorda che non bisogna riempire i vuoti con tutto ciò che ci capita al momento e che ci fa stare bene, accettando anche difetti al limite del fanatismo o del patologico. E la vocina di Cavalier Niente le insegna, con infinita pazienza, ad imitare una bottiglia

Hai mai visto una bottiglia fare i capricci quando è vuota?

Quindi se non fai pace con lo spazio vuoto dentro di te, niente potrà mai davvero riempirti

Qualcosa di troppo comprende finalmente, dopo tanto inutile vagare, che ci sarà sempre uno spazio vuoto nel cuore o nello stomaco che come una bolla d’aria vaga per il nostro organismo,che a volte ci farà più male del solito o ci farà mancare l’aria, che ci spingerà a non accontentarci mai e che ci inviterà a riempire quel vuoto sperando che quel “qualcosa” gli dia un peso facendolo stare tranquillo per un pò.


Perdonate se mi sono dilungata molto e se il post risulta prolisso ma ho adorato questo titolo e la fantasia della Gamberale. Lo stile mi ricorda molto il Piccolo Principe, entrambi offrono un punto diverso da cui osservare le cose attaverso personaggi sì inventati e/o fantastici, ma dalle fattezze più che reali, dotati della straordinaria capacità di analizzare la realtà moderna offrendo soluzioni semplici spesso già implementate nel nostro cuore e nella nostra testa ma che fatichiamo ad accettare e ad appliccare presi come siamo dalla smania di fare, quando invece dovremmo solo e semplicemente fare pace con il niente, imparare a vivere con quella sensazione di aver bisogno di…, di imparare ad apprezzare anche la noia e il non fare. Perchè anche quando ci stiamo annoiando o non stiamo facendo, in fondo,  siamo impegnati in qualcosa.
Ma soprattutto dobbiamo imparare da Qualcosa di troppo che

2017-03-05-19.30.03.png.png

Il linguaggio è semplice oserei dire essenziale, tipico delle favole che dovendo offrire una morale puntano principalmenete ai contenuti. E’ un libricino che si legge in poche ore ma dallo straordinario messaggio che può essere letto e riletto ogni  volta che quel vuoto nello stomaco brontola chiedendo attenzioni.
Un libro che si presta bene anche per essere letto ai bimbi non solo per la presenza delle immagini, ma anche per la particolarità dei nomi dei personaggi ideali per stuzzicare la loro fantasia.

VOTO:

2016-02-17-13.06.30.jpg.jpeg

 

A presto,
Firma.jpg

Annunci

3 thoughts on “QUALCOSA ~ C. Gamberale ‖recensione‖

Condividi il tuo pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...